Carte Oracolari

la lettura di carte oracolari

su un panno rosso ci sono tre carte oracolari disposte per la lettura
una mini lettura di carte oracolari angeliche e fatate

L’energia quantica scorre in ogni cosa, quindi anche attraverso le carte oracolari! Se vuoi risposte sull'amore, salute, quotidianità, se vuoi scoprire lo scopo della tua vita e quale sia la tua missione, se desideri individuare quale sia il tuo speciale talento o avere altre informazioni, 

chiedi alle mie carte oracolari Angelico Fatate!

elisa k staderini legge le carte per una donna seduta di fronte. Si trovano allo stand di esistenza durante un festival del benessere
lettura delle carte durante un festival del benessere

Guarigione con le carte oracolari: le risposte per la trasformazione

Prima di parlare di carte oracolari e tarocchi, vorrei iniziare dal significato della parola Oracolo: cosa significa e da dove arriva?

Troviamo la sua origine nel latino Oraculum: orare, parlare. Questo termine ha più significati essendo sia il responso della divinità che la divinità stessa. Ma per estensione è anche l’insieme della domanda e della risposta come forma di divinazione, nonché il tramite o canale umano, il lettore di segni e successivamente di carte, che riceve le informazioni.

La pratica della divinazione ha origine con l’uomo. Per migliaia e migliaia di anni l’essere umano ha ricevuto responsi attraverso l’interpretazione dei sogni, e dei segni come per esempio il volo degli uccelli, la lettura delle foglie spostate dal vento, l’osservazione di eventi come eruzioni vulcaniche o alluvioni ecc. Questo per conoscere informazioni utili per sé e per il suo clan, per poter affrontare il domani sentendosi nella protezione, nella sicurezza.

In seguito ha imparato ad affidare i responsi a un tramite che canalizzava direttamente in voce i messaggi del divino: si pensi all’Oracolo di Apollo nell’antica Grecia e alle vergini veggenti, le sacerdotesse come la Sibilla cumana e la Pizia di Delfi (leggi informazioni per saperne di più su canalizzazione).

l'origine dei tarocchi: dal gioco alla guarigione

Sappiamo che nell’Italia cinquecentesca alla corte milanese Sforza, si iniziarono a usare carte con i semi, primi mazzi di tarocchi molto simili a quelli moderni. Queste carte furono create per regalare momenti di leggerezza e allegria, nacquero come gioco. Ma col tempo le persone ci videro qualcosa di più, come se con quelle carte potessero leggere situazioni delle proprie vite.

In seguito arrivò il periodo dell’avvento della scienza che spazzò via il concetto di divinazione ridicolizzandola, considerandola cialtroneria o peggio, magia nera. Messa al bando per la maggior parte della gente, restò in uso tra pochi… I tarocchi venivano letti all’interno di organizzazioni occulte, segrete che non condividevano i “segreti” sull’arte divinatoria. Fu quindi come abbuiare con una coperta la grande lanterna che ha illuminato la via agli uomini per decine di migliaia di anni di storia, cancellando la nostra conoscenza più antica. Da quel momento i tarocchi furono avvolti per secoli da un alone di mistero e anche di paura.

Ma per fortuna nessuno può più condannare per eresia e bruciare sul rogo chi interroga carte oracolari e tarocchi che ad oggi sono tornati fruibili per tutti, come strumento utile e molto piacevole.

È bello trascorrere una simpatica serata tra amici leggendo le carte, oltre che utile diventa anche un momento divertente. Perché, che ci crediate o no, la parte più profonda di noi sa molto bene che la divinazione ci appartiene da sempre, ce l’abbiamo scritto nel DNA! E sappiamo anche che questa pratica ci aiuta a migliorare la propria vita.

La differenza tra i tarocchi e le carte oracolari sta nel numero, un mazzo di Tarocchi è composto da 78 carte suddivise in 22 Arcani Maggiori in Arcani Minori. Le carte oracolari invece hanno sia numero che struttura assolutamente variabile e contengono immagini e frasi che esprimono con chiarezza il consiglio che portano.

Guarigione con le carte oracolari: scegliere la via giusta

Diciamo che le carte ci stanno mostrando che siamo davanti a un bivio: sentiamo di essere sostenuti dalle nostre Guide Angeliche, torniamo nel coraggio, proviamo più sicurezza per scegliere da che parte andare.

Ma attenzione: nessuna carta e nessun operatore competente diranno mai se scegliere di andare a destra o a sinistra. Quello che invece accade è che si ricevono risposte utili per l’analisi, la riflessione e soprattutto per la trasformazione così da seguire la via giusta che la persona sente nel proprio cuore.

Si può dire che il desiderio di conoscenza è sempre stato forte specialmente se relativo alla vita quotidiana, spirituale e amorosa. La lettura delle carte oracolari è a tutti gli effetti una lettura della persona e della sua vita. La carta fornisce un supporto grazie ai colori, alle immagini, al messaggio riportato su di essa, ma la risposta arriva sempre dall’intuito, dall’empatia e dalla connessione dell’operatore che le legge.

Guarigione con le carte: come arrivano quelle giuste?

Le carte arrivano sul tavolo grazie alla legge di attrazione che ci dice come il caso non esista e che ci mostra come in ogni istante noi attiriamo nella nostra realtà tutto quello che risuona con la nostra energia, col nostro stato emotivo, mentale, energetico di quel momento.

Le carte che usciranno, saranno dunque i nostri specchi, perché vibrano in risonanza con noi, non potranno uscire “a caso”.

Se sei interessato ti insegnerò volentieri come imparare a leggere le carte perché spesso tengo workshop, anche on line.

vuoi imparare a leggere le Carte Oracolari Angelico Fatate?

Con il CORSO DI LETTURA CARTE ANGELICHE di ESistenza potrai fare letture accurate per te stesso, per i tuoi amici e chiunque abbia necessità del tuo aiuto!

alcuni mazzi di tarocchi degli angeli con in primo piano la scritta: diventa un lettore di carte angeliche
corso di Lettura Carte Angeliche di ESistenza

Aggiungerei che però non basta saper “leggere le carte”. Una buona lettura presuppone la trasformazione.

Quando le carte ci mostrano situazioni non positive è chiaro che dobbiamo poter modificare in meglio tali situazioni. E qui entra in gioco l’esperienza dell’operatore come Light Coach per trasformare con le varie tecniche in suo possesso.

Personalmente in sessione mixo tutte le mie conoscenze, perché mi affido a ciò che mi arriva sul momento. Le mie Guide mi indicano sia quali carte usare (angeliche, fatate, di Avalon, di Iside ecc)... ma soprattutto come trasformare usando gli hators sounds o le miscele sacre, quando invece usare l’equilibrio emozionale, le regressioni alle vite passate, il taglio di lacci karmici, il bilanciamento dei chakra o qualunque altro strumento abbia nel mio bagaglio lavorativo.

Tengo LETTURE individuali in studio e on line: gli Angeli, le Dee e gli Elementali, Fate, Unicorni, Sirene, sono sempre ben lieti di passarmi i messaggi specifici per coloro che si affidano.